Normative della Regione Sardegna - Live the Change

vivi il cambiamento
i veloci cambiamenti nel settore dei trasporti
logo di live the change
logo di live the change
Vai ai contenuti

Normative della Regione Sardegna

Normative > Regionali

                                                               Sardegna

Le energie rinnovabili, la normativa regionale e i programmi della Sardegna
Energia
I consumi energetici hanno delle dirette conseguenze sulla qualità dell'ambiente, legate soprattutto all'aumento della temperatura e al cambiamento del clima. Il Protocollo di Kyoto, approvato dai governi e dalle Nazioni Unite, punta a ridurre le emissioni nocive e a sviluppare il ricorso a fonti energetiche rinnovabili.
Il Piano energetico ambientale regionale (Pear) riporta una serie di misure volute dalla Regione per superare al più presto gli obiettivi di Kyoto con il contributo delle fonti rinnovabili rispetto al consumo energetico totale (20% entro il 2020). Il Piano ha inoltre lo scopo di prevedere lo sviluppo del sistema energetico in condizioni dinamiche: infatti le norme dell'Unione europea e del Governo italiano sono in continuo cambiamento, così pure le condizioni economiche internazionali nel determinare la dinamica dei prezzi e il ricorso a fonti energetiche alternative e rinnovabili, evoluzione da tenere in considerazione nel momento della programmazione.
La peculiarità della Regione Sardegna - sistema semi-chiuso, non dotato del metano e delle grandi infrastrutture energetiche, con la necessità di una riserva dell'80% della potenza di punta - comporta un tempo di assestamento lungo per arrivare allo stato di sistema energetico equilibrato. Date queste specificità, il Piano è uno strumento flessibile che definisce priorità e ipotizza scenari nuovi in materia di compatibilità ambientale degli impianti energetici basati sulla utilizzazione delle migliori tecnologie e sulle possibili evoluzioni del contesto normativo nazionale ed europeo.
Diffusione delle energie rinnovabili
Le Regione intende contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo e diffusione delle fonti energetiche rinnovabili che permettono il contenimento dei fenomeni di inquinamento ambientale nel territorio regionale, con particolare riferimento agli obiettivi di riduzione delle emissioni climalteranti stabiliti dal protocollo di Kyoto, dai provvedimenti dell’Unione europea e dalla legislazione nazionale attraverso il maggior ricorso a fonti energetiche rinnovabili.
Sulla base delle direttive della Giunta regionale, l'Assessorato della Difesa dell'ambiente ha pubblicato un bando rivolto ai Comuni e alle Province della Sardegna per il cofinanziamento di impianti solari fotovoltaici e termici integrati nelle strutture edilizie, con uno stanziamento annuale di 6 milioni e 700mila euro. La Giunta regionale ha peraltro approvato un programma per la realizzazione di impianti solari fotovoltaici e termici integrati negli edifici dell'amministrazione regionale. Il finanziamento è di 3 milioni e 300mila euro. Inoltre, come previsto dalle Norme d'attuazione del Piano paesaggistico regionale, sono state predisposte delle linee guida che regolamentano il corretto inserimento degli impianti eolici nel paesaggio.
Risparmio energetico e riduzione dell’inquinamento luminoso
La Legge finanziaria regionale per il 2007, all'articolo 19, prevede che la Giunta regionale adotti linee guida per la riduzione dei consumi energetici e dell'inquinamento luminoso e acustico sul territorio regionale. La lotta all'inquinamento luminoso costituisce una importante rispetto agli obiettivi di risparmio energetico e alle disposizioni della norma finanziaria: le dispersioni dei fasci luminosi implicano un significativo aumento della potenza elettrica impegnata e dei consumi di energia, che in alcuni casi possono arrivare al doppio del necessario rispetto alle reali necessità per soddisfare le prescrizioni e le esigenze tecniche e di sicurezza.
Il programma di attuazione intende contribuire al raggiungimento degli obiettivi di sviluppo e diffusione del ricorso a forme di efficienza e risparmio energetico che permettono il contenimento dei fenomeni di inquinamento ambientale nel territorio regionale, con particolare riguardo alla riduzione delle emissioni climalteranti prevista dal protocollo di Kyoto, dalla normativa comunitaria e nazionale.

immagine di auto elettrica
Privacy Policy
Torna ai contenuti