Normative della Regione Puglia - Live the Change

vivi il cambiamento
i veloci cambiamenti nel settore dei trasporti
logo di live the change
logo di live the change
Vai ai contenuti

Normative della Regione Puglia

Normative > Regionali

                                                                 Puglia

P.E.A.R. - PUGLIA
PIANO ENERGETICO AMBIENTALE REGIONALE
La Regione Puglia ha affidato la redazione del Piano Energetico Ambientale Regionale (P.E.A.R.) al Gruppo composto da Ambiente Italia srl di Milano (capofila) e dall'Associazione no-profit A.FO.RI.S. di Foggia.
L'incarico affidato prevede anche la redazione di una specifica relazione di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) che accompagnerà la redazione del Piano ed un'attività di supporto tecnico all'Amministrazione Regionale nella fase di consultazione con gli enti locali, le realtà socio-economiche e le associazioni.
Il PEAR  contiene indicazioni circa  i "punti caldi" della politica energetica come il carbone, l'eolico, le emissioni di CO2, il solare, i rigassificatori, il nucleare e l'idrogeno.
L'analisi riportata nel PEAR è volta a identificare le linee caratterizzanti la pianificazione energetica regionale, articolandosi in considerazioni riguardanti sia l'aspetto della domanda che dell'offerta di energia.
Particolare attenzione è posta al rispetto degli impegni di Kyoto richiamando il concetto di un proficuo ricorso alla elevata differenziazione delle risorse energetiche privilegiando le fonti rinnovabili ed a basso impatto ambientale.
Energia Pulita
La Regione Puglia ha posto tra i suoi obiettivi strategici lo sviluppo della produzione di energia da fonti rinnovabili, promuovendo in particolare la installazione di impianti fotovoltaici sulle coperture degli edifici.
Di tale orientamento vi è traccia nella recente Legge regionale n. 13/2010, nonché nelle Dichiarazioni Programmatiche del Presidente della Giunta regionale. La finalità di tale policy non è solo costituita dall’aumento delle quote di produzione da rinnovabile, ma è soprattutto quella di diffondere la cultura della sostenibilità e del risparmio energetico. La microproduzione di energia elettrica a livello di famiglie e di micro e piccole imprese consente, infatti, di ottenere consistenti risparmi di spesa sulle bollette e di aumentare la consapevolezza individuale della importanza economica ed ambientale di definire un equilibrato bilancio energetico.
Occorre aggiungere poi che la microproduzione diffusa permette inoltre di diffondere a livello di famiglie e micro e piccole imprese la possibilità di ottenere i vantaggi diretti o indiretti del sistema incentivante riconosciuto a livello statale e che diversamente risulterebbe a vantaggio della produzione industriale di energia elettrica da FER.

immagine di auto elettrica
Privacy Policy
Torna ai contenuti