Distributori di energia - Live the Change

vivi il cambiamento
i veloci cambiamenti nel settore dei trasporti
logo di live the change
logo di live the change
Vai ai contenuti

Distributori di energia

Energia > Gestori di impianti

A2A è una società italiana attiva nei settori della produzione, vendita e distribuzione di energia elettrica e della vendita e distribuzione del gas; inoltre, si occupa della gestione dei rifiuti, del teleriscaldamento e del ciclo idrico integrato. Oggi A2A è tra i maggiori gruppi multiutility locali in Italia: a fine 2011 totalizzava 6.190 milioni di euro di ricavi e un utile netto di 420 milioni di euro. La clientela di A2A è localizzata prevalentemente nel Nord Italia, ma il portafoglio di asset del gruppo è distribuito lungo tutta la penisola. L’azienda ha una capacità elettrica installata di 6.400 MW, un portafoglio di energia elettrica di 48.843 GWh e un portafoglio gas di 5.567 milioni di metri cubi. A2A intende perseguire una politica di crescita, che varca i confini nazionali per rafforzare la presenza in altri Paesi europei; il gruppo prevede di effettuare investimenti per 2,6 miliardi di euro tra il 2010 e il 2014.


Acea SpA è una delle principali aziende multiutility italiane, attiva in diversi settori:

  • produzione, vendita e distribuzione di energia, con particolare attenzione a quelle generate da fonti rinnovabili;

  • smaltimento e produzione di energia dai rifiuti;

  • servizio idrico integrato, con la gestione di acquedotto, fognatura e depurazione delle acque.

L’azienda viene fondata a Roma nel 1909 con il nome di AEM (Azienda Elettrica Municipale) per produrre e distribuire energia elettrica per l’illuminazione pubblica e privata. Durante l’epoca fascista, AEM si espande nel settore idrico, fino a divenire l’unico gestore per la zona di Roma nel 1964. Solo nel 1989 l’azienda assume la denominazione attuale, diventando l’Azienda Comunale Energia e Ambiente.  Negli anni successivi, Acea va incontro ad una serie di cambiamenti: nel 1992 si trasforma da Azienda municipalizzata in Azienda Speciale, per poi diventare una Società per Azioni nel 1998.



AGSM Energia è una primaria multiutility del Veneto, che opera fin dal 1898 per portare energia nelle case e nei luoghi di lavoro, accompagnando lo sviluppo del territorio e crescendo insieme alle imprese, grazie all’utilizzo consapevole delle risorse naturali.
AGSM Energia è parte del Gruppo AGSM, che si occupa della fornitura di energia elettrica e gas, dell’illuminazione pubblica, del teleriscaldamento, del trattamento dei rifiuti solidi urbani, delle telecomunicazioni in fibra ottica e della rete di mobilità e traffico.
Agsm è oggi una realtà nazionale presente in tutte le Regioni Italiane, con punti di fornitura in oltre 1400 Comuni e 98 Province.
Il valore di produzione del Gruppo è pari a 665 milioni di euro, con un margine operativo lordo di 71 milioni di euro e un netto di 15 milioni; nel 2011 sono stati serviti più di 326.000 clienti.



Bluenergy Group SpA è un’azienda multiutility con sede a Campoformido (UD), attiva dal 2003 nei settori della distribuzione di gas ed energia elettrica. Il gruppo è un importante fornitore di energia a livello nazionale, presente sia nel mercato di maggior tutela che nel regime di libera concorrenza.
La proprietà del gruppo è detenuta da diversi soggetti, tra i quali figurano alcune amministrazioni comunali (Azzano Decimo, Cervignano del Friuli, Fiumicello, Aquileia e Terzo di Aquileia) e diverse  imprese come la Blufin (partecipata per metà dalla famiglia Curti, di cui fa parte l’AD Gianfranco Curti, e per l’altra metà dalla tedesca VNG).
In quasi dieci anni di attività, Bluenergy ha conseguito importanti risultati: il 2011 si è chiuso con un fatturato di quasi 200 milioni di euro, segnando un aumento del 77% rispetto all’anno precedente. Anche gli utili sono aumentati del 50%, e la rapida crescita del gruppo non accenna a fermarsi. Con i suoi servizi, la società friulana raggiunge più di 170 mila clienti in Italia, appoggiandosi ad una rete di oltre 30 uffici dislocati su tutto il territorio nazionale.



Edison è la più antica azienda italiana attiva nel mercato dell’energia. Fondata nel 1894, ricopre da subito il ruolo di pioniere dell’elettricità in Italia: inaugura la prima centrale termoelettrica d’Europa per la distribuzione continua di energia e, prima in Italia, fornisce l’illuminazione pubblica e i tram elettrici alla città di Milano. All’inizio del ‘900, grazie alla progressiva industrializzazione del Nord, la società si espande puntando sull’energia idroelettrica. Tuttavia, in seguito alla legge del 1962 che decreta la fondazione di Enel, dall’anno successivo Edison cessa la sua attività nel mercato dell’energia, concentrandosi su altri business. Solo nel 1999 Edison torna ad essere protagonista sul nuovo mercato, proponendosi nuovamente come fornitore di energia elettrica ai clienti liberi e spingendo ulteriormente sulla fornitura del gas. Nel 2002, la società si allarga grazie alla fusione con altre importanti aziende del settore, e nel 2008 entra nel mercato della fornitura di energia elettrica ai privati. In seguito ai buoni risultati ottenuti, l’anno successivo Edison si propone anche come fornitore di gas per le famiglie. Dopo soli due anni di attività nel mercato residenziale, a fine 2010 l’azienda può già contare un milione di clienti: di questi, il 40% l’ha scelta per l’energia elettrica, il 40% per il gas e il 20% per entrambi.
Oggi il gruppo rappresenta il secondo player sul mercato italiano nel settore dell’approvvigionamento, produzione e distribuzione di energia elettrica, gas e olio grezzo, impiegando circa 4.000 persone tra Europa, Africa e Medio Oriente.



Enel (Ente Nazionale per l’Energia Elettrica) nasce nel 1963 con la finalità di produrre, distribuire e vendere energia elettrica sul territorio nazionale. Negli anni ’60 Enel effettua grossi investimenti per far fronte alla grande richiesta generata dal boom economico, provvedendo anche all’ampliamento e alla razionalizzazione della rete esistente nel Paese. L’Ente affronta la crisi petrolifera degli anni ’70 definendo nuove strategie improntate sul risparmio energetico e sulla diversificazione delle fonti di approvvigionamento. Negli anni ’80 acquista centralità il tema del rispetto per l’ambiente, che porta l’azienda a ripensare interamente il suo sistema di produzione. In quest’ottica, l’importanza delle fonti rinnovabili inizia a crescere, specie in seguito all’abbandono del nucleare nel 1987; inoltre, il grosso degli investimenti viene concentrato sul gas metano. Nel 1991, in seguito alla parziale liberalizzazione del settore dell’energia elettrica, Enel inizia la trasformazione da Ente a Società per Azioni. Il processo di formazione dell’Ente si conclude solo nel 1995, con l’assorbimento di ben 1.270 aziende italiane attive nel settore. Nel 1999 il gruppo separa le attività di produzione, distribuzione e vendita, oltre a ridurre la sua capacità produttiva. Nel quinquennio 2005-2010, l’impegno di Enel è focalizzato sulle nuove società acquisite e sul rafforzamento della sua presenza all’estero.



Eni (ex Ente Nazionale Idrocarburi) è un’impresa italiana attiva nel settore dell’energia. Si tratta del quinto gruppo petrolifero per giro d'affari a livello mondiale, e si occupa di tutte le attività di approvvigionamento, produzione, trasporto, distribuzione e vendita di petrolio e gas naturale.
Sebbene la nascita ufficiale di Eni come ente pubblico sia datata 1953, le sue origini vanno fatte risalire agli anni venti del secolo scorso, con la fondazione dell’Agip (Azienda Generale Italiana Petroli) nel 1926.
Nel 1952 viene adottato come simbolo dell’Agip il famoso "cane a sei zampe”, che ancora oggi rappresenta l’azienda in tutto il mondo. L’anno successivo viene fondata Eni, a cui viene conferito il controllo dell’Agip e di altre società che operano nel settore degli idrocarburi: l’obiettivo è quello di formare un gruppo integrato che possa controllare lo sfruttamento del petrolio e del gas naturale in Italia.
Negli anni del dopoguerra, Eni  riveste un ruolo importante nello sviluppo industriale del paese, apportando un contributo attivo con la fornitura di gas. Grazie ai nuovi accordi e alle nuove attività intraprese, la società si guadagna una posizione di rilievo sul piano internazionale, diventando una delle maggiori compagnie produttrici di petrolio.



E.On è un’azienda che opera nei settori dell’energia elettrica e del gas, fornendo soluzioni specifiche ai suoi clienti in Europa, in Russia, in Nord America e dal 2000 anche in Italia. Inizialmente il gruppo si focalizza solo sulle grandi industrie del nostro Paese, ma col passare degli anni il suo raggio d’azione si estende e la sua presenza si consolida, anche grazie all’acquisizione e alla fondazione di nuove aziende. Il processo culmina con la creazione di E.On Italia SpA nel 2008, l’azienda del gruppo E.On interamente dedicata al mercato italiano.
Con i suoi oltre 85.000 dipendenti e i 93 miliardi di fatturato del 2010, E.On è una delle più grandi aziende del settore energetico del mondo a capitale interamente privato. La sede centrale del gruppo si trova a Düsseldorf, dove il Group Management dirige e coordina le varie unità del gruppo. E.On è infatti organizzata in cinque Global Unit, che si occupano di altrettante funzioni, e in dodici Regional Unit, corrispondenti al numero dei Paesi europei dove il gruppo è presente.



Estra Energie nasce nel 2008 dall’unione di tre società attive in precedenza sul territorio toscano: IntesaCom del gruppo Intesa, ConsiaGas del gruppo Consiag ed Eta3 del gruppo Coingas. Con questa unione, le tre holding sono riuscite a formare una società che può beneficiare di un’esperienza poliedrica maturata nel corso degli anni. Estra Energie è ad oggi una delle più importanti aziende del settore in Italia, e serve principalmente le regioni centrali del paese come Toscana, Marche, Umbria, Lazio, Abruzzo e Molise.
L’azienda fa parte della multiutilty Estra, di proprietà di oltre 100 comuni italiani, che fornisce servizi di vario tipo come quelli legati alle telecomunicazioni, alla fornitura di energia e al campo delle energie rinnovabili mediante la realizzazione di campi fotovoltaici, di pannelli solari e la progettazione di impianti ecologici. Estra Energie è ad oggi il secondo operatore della regione Toscana e può vantare un fatturato di oltre 350 milioni di euro, con più di 900 milioni di metri cubi di gas venduti all’anno e un numero totale di clienti che supera le 430.000 unità. Nel suo insieme, il gruppo Estra dispone di 5.000 km di rete di gas naturale, 130 km di rete GPL, 1 miliardo di kWh di energia venduta e 300 km di rete in fibraottica.



La presenza di GDF SUEZ in Italia risale al 2006, quando la nota azienda francese Gaz de France stipula un accordo con Camfin S.p.A. per l’inizio di una collaborazione nel campo del gas naturale. Holding di riferimento per la joint venture, posseduta per il 40% da Gaz de France e per il 60% da Camfin, è Energie Investimenti S.p.A. Nei mesi successivi, Energie Investimenti acquisisce la totalità delle attività italiane gestite dai due gruppi e il 20% delle attività di distribuzione di Italcogim Reti e Arcalgas Progetti. Più avanti giungerà all’acquisizione dell’intero ramo di Gaz de France che gestisce la vendita di gas al segmento in Italia: Gas de France Energy, ora GDF SUEZ Global Energy. È proprio GDF SUEZ, leader mondiale nel settore del gas naturale, nato dalla fusione della francese Gaz de France con la belga Suez, a controllare totalmente Energie Investimenti quando, nel 2009, anche Camfin cede la propria quota del 40%. Nasce così GDF SUEZ Energia Italia S.p.A., nata per incorporazione da Energie Investimenti, mentre Italcogim Energie S.p.A. diventa GDF SUEZ Energie S.p.A., modificando contestualmente anche il marchio.


Il Gruppo Hera nasce nel 2002 in seguito all’aggregazione di 11 aziende ex municipalizzate. Nel 2003 ottiene la quotazione in Borsa ed acquisisce parte del Gruppo Agea di Ferrara. Nel 2004 viene approvato un progetto di fusione di Agea e di Acosea S.p.A. con il gruppo Hera. Le acquisizioni continuano per tutta la storia di Hera, garantendo nel corso degli anni un raddoppiamento dell’Ebitda, con un target di crescita del 5,7% medio annuo. Sempre nel 2004 viene acquisito il 15% di Calenia Energia e il 39% della società SET S.p.A. L’anno successivo Hera entra a far parte dell’indice Midex della Borsa Italiana, risultando tra le prime 25 società italiane a media capitalizzazione. Con l’incorporazione di Meta S.p.A., l’azienda diventa il secondo operatore nel settore in Italia e lo stesso anno entra a far parte del mercato obbligazionario. Successivamente vengono acquisite Geat Distribuzione e Gas Riccione, 18 comuni della provincia di Modena precedentemente gestiti da Enel, parte della quota di Aspes Multiservizi e il 46,5% di SAT S.p.A.; viene inoltre stipulato un accordo con l’algerina Sonatrach. Nel 2007 si ha l’acquisizione di Megas Trade e del 41,8% di Marche Multiservizi e viene stipulato un accordo con la società VNG riguardo alla copertura dei servizi nel territorio di San Marino.



Iren è una multiutility quotata alla Borsa italiana, attiva nei campi dell'energia elettrica, dell’energia termica per il teleriscaldamento, del gas, dei servizi idrici integrati, dei servizi ambientali e dei servizi per le pubbliche amministrazioni.
La storia dell’azienda ha origini molto antiche, in quanto Iren è costituita dal confluire di quelle che erano le diverse agenzie municipali delle città di Parma (1905), Torino (1907), Genova (1922), Reggio Emilia (1962) e Piacenza (1972). Le aziende comunali col tempo acquisirono importanza sempre maggiore e andarono a costituire due grosse società. Una di queste era Enìa, nata nel 2005, e costituita da AGAC Reggio Emilia, AMPS Parma e Tesa Piacenza; l’altra, Iride, nacque nel 2006 ed era formata da AEM Torino e AMGA Genova.



L'Azienda delle Marche con Più Energia
Prometeo è la principale società di vendita di prodotti energetici delle Marche: Gas Metano ed Energia Elettrica.
Nasce nel 2001 grazie alla sinergia tra alcune delle più importanti aziende multiutilities della regione e un partner industriale di livello internazionale (vedi Soci Prometeo).
Prometeo è leader nelle Marche nella vendita di Gas Metano coprendo il 23% del fabbisogno del mercato regionale. Dal 2005, con la vendita di Energia Elettrica, Prometeo ha fortemente consolidato la propria posizione di primario operatore regionale. Vanta numerosi sportelli commerciali e una rete commerciale di account manager dedicati al mercato business e micro business. Attualmente i clienti serviti da Prometeo sono 160.000 tra famiglie, attività commerciali, Piccole Medie Imprese e Grandi Aziende.

Sorgenia SpA nasce nel 1999, e fin dalla sua nascita opera nei settori dell’elettricità e del gas naturale, occupandosi direttamente dell’approvvigionamento e della vendita ai clienti finali. Già dal 2000 l’azienda è attiva nella fornitura di elettricità ai primi clienti, chiudendo con i bilanci in utile fin dal primo anno di attività. Ad oggi, Sorgenia è il primo operatore privato italiano nel settore dell’energia elettrica e del gas naturale, con 500.000 clienti in tutta la penisola, più di 400 persone impiegate e impianti che generano elettricità per quasi 3.900 MW di potenza.
La proprietà del gruppo Sorgenia è frazionata tra diversi soggetti. L’azionista principale è Sorgenia Holding, che ne detiene il 79,7% delle quote, mentre le restanti sono suddivise tra il management dell’azienda e la banca Monte dei Paschi di Siena. A sua volta, Sorgenia Holding è controllata per il 65% dal gruppo CIR e per il 35% dalla società austriaca Verbund.
Il gruppo ha chiuso l’esercizio del 2010 con un fatturato di 2,7 miliardi di euro. L’anno successivo, Sorgenia ha venduto circa 500 milioni di metri cubi di gas e 11,8 miliardi di KWh di energia elettrica.
La società mira a rafforzare la sua posizione come protagonista del mercato energetico italiano, con una potenza installata di più di 5.100 MW e la costruzione di impianti per più di 50 MW.



La nascita di Trenta risale al 1° gennaio 2003, quando le tre già note aziende del settore Trentino Servizi, AIR di Mezzolombardo e STET di Pergine si riuniscono per andare a formare una nuova azienda che gestisca al meglio il rapporto con la clientela. È proprio questa particolare attenzione per il cliente la caratteristica peculiare di Trenta, società attiva principalmente nel territorio del Trentino per quanto riguarda la vendita di gas naturale ed energia elettrica a case private, famiglie, piccole e medie imprese, condomini, albergatori, artigiani e industrie. Un pubblico molto vasto, per una quantità di prodotti che oltre al business principale di luce e gas comprende anche il teleriscaldamento, l’igiene ambientale, il rifornimento idrico nonché le fognature e i servizi.
Dal bilancio 2011, emergono dati molto interessanti relativi alla crescita dell’azienda e al suo radicamento nel territorio. Trenta annovera infatti oltre 100 dipendenti, e circa 500.000 clienti contando entrambi i mercati di gas ed energia elettrica. Per il gas, vengono venduti 466.600.000 metri cubi mentre per l’energia elettrica si contano 3.969 GWh venduti. I clienti dell’acquedotto sono più di 100.000, per 23.000.000 di metri cubi d’acqua forniti. Infine, nel settore teleriscaldamento e cogenerazione, vengono serviti 182 clienti e si contano 85,7 GWh di vapore e 51,9 GWh di calore forniti.



Il Gruppo Unogas è attivo dal 2003 e opera nella fornitura di gas naturale e di energia elettrica, nei servizi energetici e di impiantistica e nell’importazione e trading a livello europeo. Unogas Energia S.p.A. è stato fra i primi venditori di energia ad essere approvato dal Ministero delle Autorità Produttive per la fornitura di gas nel contesto del mercato libero in Italia ed è oggi uno dei principali operatori privati nella vendita di gas naturale. L’azienda opera in oltre 1.500 comuni italiani, per un totale di 32.000 clienti e un fatturato che nel 2010 ha raggiunto i 450 milioni di euro.
Per quanto riguarda il campo dell’energia elettrica, Unogas è attiva dal gennaio 2008 nel mercato libero per la fornitura a clienti finali, con lo scopo di offrire un servizio dual-fuel comprensivo di vendita di gas e di energia elettrica. Negli ultimi anni, il quantitativo di energia elettrica venduta è passato dai 7 Gwh del primo anno di attività ai 700 del 2011.
Unogas mostra anche attenzione alle problematiche ambientali: con la nuova offerta Econdominio, ad esempio, l’azienda fornisce al cliente energia certificata RECS (Renewable Energy Certificate System), non inquinante e derivante da fonti di energia rinnovabile. Un altro aspetto molto importante della strategia dell’azienda è l’attenzione per lo sviluppo di nuove tecnologie, applicate sia ai servizi di fornitura che nell’ambito dell’approvvigionamento.



immagine di auto elettrica
Privacy Policy
Torna ai contenuti